Come tradurre file dal formato complesso in tutta semplicità

Ormai usare un software di traduzione assistita, un cosiddetto CAT tool, fa parte della nostra routine quotidiana ed è un’azione praticamente scontata. La translation memory salva le frasi tradotte e le ripropone quando i segmenti in questione si ripresentano, uguali o simili, negli incarichi successivi. Il software è inoltre dotato di una banca dati terminologica nella quale vengono inseriti i termini specialistici nelle diverse lingue. Una volta inseriti, i termini rimangono salvati per la consultazione successiva. Questo sistema consente sia a noi che ai nostri clienti di risparmiare tempo ed energie e garantisce la coerenza testuale anche in un lasso temporale molto ampio. Cosa succede però se il formato del testo da tradurre è, a livello tecnico, talmente complesso da mettere a dura prova persino un CAT tool professionale? È una bella sfida, e a noi le sfide piacciono molto! È proprio quello che è successo con il nostro cliente Viacar AG, per il quale abbiamo dovuto fare il «lavaggio del cervello» al nostro software.

Il cliente

Viacar AG, con sede ad Aarau, offre agli uffici svizzeri della circolazione una soluzione informatica moderna e a tutto tondo che comprende tutti i processi importanti come le immatricolazioni dei veicoli, i cambi di indirizzo e le richieste legate alle licenze di condurre. Il software è uno strumento efficiente che consente ai cittadini di beneficiare di servizi di e-government moderni e intuitivi.

L’incarico

Finora, per il software di Viacar abbiamo tradotto un totale di circa 1000 casistiche contenenti istruzioni, messaggi d’errore, valori attesi e informazioni in senso ampio per la verifica del software di Viacar. I testi ci vengono inviati sotto forma di documenti Excel. I campi di testo all’interno dei documenti sono preceduti o seguiti da lunghe serie di codici di programmazione HTML che non possono essere né tradotte né modificate. I testi si presentano più o meno così:

Chiarissimo, no? Come se non bastasse, in ogni cella Excel il testo da tradurre è ripetuto due volte: la prima versione deve rimanere nella lingua di partenza, la seconda deve essere sovrascritta con la traduzione.

Per consentire ai nostri traduttori di lavorare in modo rapido ed efficace e tenere aggiornata la translation memory del cliente, traduciamo questi testi dal formato complesso con il nostro CAT tool, come facciamo di solito. Ma che fare con i codici di programmazione inseriti tra una porzione di testo e l’altra? Il software ovviamente va in confusione e mescola testi e codici dando luogo al caos più totale. Cosa deve fare il traduttore? E la contabilità? Come fa a calcolare esattamente il numero di righe effettivamente commissionate in questa giungla di simboli, lettere e numeri? L’obiettivo è quello di ignorare i codici, che devono rimanere invariati.

La soluzione

È qui che è entrato in gioco tutto il know-how del nostro esperto di CAT tool che, grazie a tanti anni di esperienza in materia, conosce il software a menadito. Per questa tipologia d’incarico ha letteralmente fatto il lavaggio del cervello al software. La lunga serie di prove, programmazioni, estrazioni e smanettamenti (!) ha dato i suoi frutti: per gli incarichi di Viacar, il sistema è stato programmato in maniera tale da capire da sé quali parti di testo vadano tradotte e quali no. Il CAT tool riconosce automaticamente i codici di programmazione presenti all’interno del testo ed è in grado di nasconderli. I traduttori non devono far altro che usare i documenti inseriti nel CAT tool con delle impostazioni speciali e tradurre normalmente il testo. Una volta esportato il testo di arrivo in Excel, il programma fa riapparire i codici di programmazione come per magia.

In conclusione: Viacar AG offre ai propri clienti un tool personalizzato per i servizi di e-government e noi aiutiamo Viacar a svilupparlo con il nostro software di traduzione appositamente riprogrammato.